Villa Pallavicini

  

Scuola gratuita di italiano per stranieri

 

 

 

 

Primo quadrimestre - Ottobre 2019 /Febbraio 2020

Numero totale iscritti: 248

 

tab sesso 2020

 

Invariato sia il numero totale di studenti rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, che la proporzione tra maschi e femmine.

 

tab eta 2020

 

Rispetto all’età, la fascia più rappresentata è compresa tra 21 e 30 anni analogamente ai dati dell’anno precedente; in leggero aumento la fascia di età compresa tra 31 e 40 anni. Il dato in dissonanza rispetto ai precedenti rilevamenti riguarda la fascia di età 41-50 che aumenta di 10 unità, mentre si contrae considerevolmente il numero di minori. Quest’ultimo dato si spiega in relazione ai due laboratori linguistiche organizzati nel periodo di riferimento e dedicati esclusivamente ai minori prossimi all’inserimento scolastico e/o frequentanti la scuola ma con difficoltà relative alla lingua.

 

tab naz 2020

 

E’ sempre l’Egitto la nazionalità più rappresentata sebbene il numero complessivo  si contrae. Il dato più rilevante riguarda l’ingresso del Bangladesh tra le nazionalità più rappresentate; il dato numerico ha dato valore oggettivo all’impressione già in atto durante le iscrizioni (dove era parsa evidente la maggior presenza di bengalesi). Dal punto di vista di una signora bengalese, ex studentessa della scuola attualmente impegnata nel gruppo di lettura dell’Associazione, il dato si spiega in relazione all’aumento dei ricongiungimenti famigliari che ha interessato la comunità bengalese. La rappresentanza delle altre nazionalità resta invariata con una leggera contrazione dei peruviani presenti in numero uguale ai filippini (i quali sono invece aumentati di alcune unità).

 

tab studio 2019

 

Rispetto ai rilevamenti dello scorso anno, sono in aumento i profili universitari e i diplomati; sebbene il  livello più rappresentato sia quello di coloro che hanno all’attivo 6/11 anni di studio. Resta invariato il numero di coloro che non hanno mai frequentato la scuola. 

 

mesi italia2020

 

La maggior parte degli studenti si iscrive al corso entro 6 mesi dall’arrivo in italia anche se il dato è in contrazione rispetto al rilevamento precedente. Seguono, ex equo e in aumento rispetto ai dati dello scorso anno, coloro che sono in Italia da 1 – 2 anni o da 3-6 anni.

 

tab lavori 2020

 

Resta invariato il numero  dei lavoratori  mentre diminuisce quello dei disoccupati; fermo restando che molti  studenti lavorano a chiamata e non hanno un’attività lavorativa stabile e consolidata. La precarietà che caratterizza il lavoro svolto dagli studenti si evince dalle continue richieste di cambio di fascia oraria e/o di giorni di lezione per poter far fronte alle imprevedibili chiamate di lavoro. 

 

tab test 2020

 

I test consentono di raggruppare gli iscritti per livello di competenza e formare classi “omogenee”; ferma restando la composizione multilinguista e multiculturale della classe.  Il livello più rappresentato è lo 00+ che comprende studenti in possesso dei prerequisiti per apprendere ma non ancora in grado di comprendere e comunicare negli ambiti quotidiani principali (scuola,lavoro, istituzioni, sanità). Segue la classe degli 00, (studenti neo arrivati o debolmente scolarizzati) che registra un sensibile aumento di unità rispetto ai dati precedenti.  Diminuiscono quasi tutti i livelli più alti ad eccezione del livello 02 che prepara gli studenti ad affrontare l’esame per ottenere il livello di competenza A2.  

 

 

 

 

 

Primo quadrimestre - Ottobre 2018/Febbraio 2019

 

Numero totale iscritti: 247

Il primo quadrimestre del tradizionale corso di italiano per stranieri si è aperto all'insegna di una affluenza record, non tanto in relazione ai numeri ma per la velocità con cui abbiamo raggiunto il tetto massimo dei posti disponibili: una sola settimana!
È nostra convinzione che un corso di italiano per stranieri debba prevedere elasticità e flessibilità organizzative per rispondere alle esigenze di tutti dando spazio anche a coloro che hanno schemi di vita in continuo cambiamento. Alcuni studenti lavorano intensamente per brevi periodi e poi si ritrovano disoccupati per interminabili mesi, per costoro è importante poter frequentare in modo "fluttuante"; alcune donne passano dall'iperattività - bambini piccoli da accudire + faccende domestiche - a periodi di relativa tranquillità quando tutti i figli sono inseriti a scuola/asilo, anche per loro è auspicabile la flessibilità organizzativa .
Abbiamo pertanto deciso di tenere comunque aperte le iscrizioni per tutto il mese di settembre anche se non è stato possibile accogliere molti studenti per mancanza di spazio e di posti.
Il primo giorno di scuola - che vede la presenza di tutti gli iscritti e di tutti gli insegnanti ed è un giorno dedicato all'accoglienza e alla reciproca conoscenza - gli spazi dell'associazione erano saturi e gremiti. Gli iscritti (donne con bambini, giovani adulti e meno giovani, il gruppetto dei minori non accompagnati, i neo ricongiunti prossimi all'inserimento scolastico) e i nostri infaticabili insegnanti volontari si sono incontrati e conosciuti; gli studenti hanno ricevuto le dispense, preparato il cartellino con il loro nome e preso conoscenza delle regole condivise.
Durante il quadrimestre abbiamo intervallato le lezioni di italiano con interventi in area sanitaria. Agli studenti del mattino (in prevalenza donne con bambini) abbiamo proposto lezioni specifiche con figure professionali (nutrizionista, pediatra, ostetrica) nella convinzione di ampliare le loro conoscenze sul funzionamento delle strutture per la salute, l'infanzia e la persona.

 

Ecco alcuni dati statistici che vi proponiamo come spunto di riflessione.

 

tab sesso sett feb 19 web

 

In questo primo quadrimestre si sono iscritti 247 studenti. Le quote femminili sono tornate in testa, laddove nel precedente quadrimestre avevamo registrato la "parità" di genere.

 

tab eta sett feb 19 web


L'età più rappresentata è sempre quella compresa tra 21 e 30 anni seguita a breve distanza dalla fascia 31/ 40 anni che registra un discreto aumento di unità. Si contrae ulteriormente rispetto allo scorso quadrimestre il numero dei minori e anche il gruppo dei 40enni si assottiglia di qualche unità.

 

tab anni sett feb 19 web

 

Un dato che possiamo ormai considerare immutabile è la superiorità numerica di coloro che si iscrivono al corso di italiano entro i primi sei mesi di soggiorno in Italia ( 82 studenti su 247 sono in Italia da meno di sei mesi); occorre però una precisazione: sebbene questo gruppo sia sempre in testa, si accorciano le distanze con coloro che si iscrivono al corso dopo 1/2 anni di residenza; inoltre aumenta anche il numero degli iscritti residenti in Italia da un periodo lungo (da 3 a 6 anni. Relativamente a questo target siamo passati da 40 unità a 53).
A nostro avviso questo dato è una diretta conseguenza dell'inasprimento delle politiche migratorie che ha gettato nel panico molti migranti in attesa di risposta sulla richiesta d'asilo/soggiorno. Costoro, costretti a tempi di attesa infiniti che impediscono loro di intraprendere percorsi ufficiali di integrazione/formazione/lavoro non hanno altra chance che "rifugiarsi" tra i banchi di una scuola gratuita, flessibile, informale e familiare.

 

tab naz sett feb 19 web

 

 

Il paese più rappresentato è sempre l'Egitto (120 su 247) seguito a grande distanza dal Perù (23 unità) e dal Marocco (16 unità).

 

tab lavori sett feb 19 web


Solo 66 studenti su 247 dichiarano di essere occupati mentre 174 sono disoccupati. Rispetto al quadrimestre precedente aumentano i disoccupati e diminuiscono gli occupati. Occorre considerare un dato importante: tra gli occupati si annoverano molti studenti che lavorano occasionalmente, a chiamata, senza nessuna garanzia di continuità e spesso pagati in nero.

 


Si conferma il trend precedente che vede in pole position gli studenti che hanno conseguito diplomi e licenze in virtù di un periodo di studio che vada 6 a 11 anni. Segue il gruppo di studenti con 12/16 anni di studio alle spalle (il numero però si contrae e il gruppo passa da 86 a 60 unità); aumentano di poche unità gli analfabeti (ai quali non abbiamo potuto garantire una classe dedicata per mancanza di spazio e risorse, ma solo un supporto individuale a rotazione).

 


 I dati relativi al livello di competenza linguistica registrano poche varianti rispetto ai trend precedenti. Il livello più rappresentato è quello denominato 00+ (si tratta di un livello base che, a differenza del livello 00 comprende studenti che hanno i requisiti per apprendere, avvero conoscono i nostri caratteri alfabetici, leggono le vocali e i semplici suoni sillabici e sanno scrivere).

Al secondo posto troviamo compresenti gli studenti del livello 00 (i quali non hanno i requisiti per apprendere, ovvero non conoscono i nostri caratteri alfabetici, non leggono le vocali, non scrivono ma semplicemente trascrivono) e gli studenti del livello A1 (in grado di comprendere ed esprimere semplici frasi di dominio quotidiano).

I livelli più alti sono frequentati da persone che hanno spesso già conseguito il livello di competenza A2 e desiderano approfondire lo studio della lingua per avere maggiori chance nel mondo del lavoro.

 

 

La scuola gratuita di italiano per stranieri  da Ottobre 2014 è realizzata anche grazie a:        

8xmille ri-bozza 1-05 

 

 

 

 

 

 

E’ sempre l’Egitto la nazionalità più rappresentata sebbene il numero complessivo  si contrae. Il dato più rilevante riguarda l’ingresso del Bangladesh tra le nazionalità più rappresentate; il dato numerico ha dato valore oggettivo all’impressione già in atto durante le iscrizioni (dove era parsa evidente la maggior presenza di bengalesi). Dal punto di vista di una signora bengalese, ex studentessa della scuola attualmente impegnata nel gruppo di lettura dell’Associazione, il dato si spiega in relazione all’aumento dei ricongiungimenti famigliari che ha interessato la comunità bengalese.

La rappresentanza delle altre nazionalità resta invariata con una leggera contrazione dei peruviani presenti in numero uguale ai filippini (i quali sono invece aumentati di alcune unità)