Villa Pallavicini

  

Scuola gratuita di italiano per stranieri

 

 scuola 2018 I

 

 

 

Secondo quadrimestre - Febbraio 2018/Giugno 2018

 

Numero totale iscritti: 291

 

Nel mese di gennaio 2018, prima ancora che fosse posizionato il cartello informativo che annuncia l’apertura delle iscrizioni, si è animato un ricco via vai di nuovi studenti aspiranti al corso di italiano.
I vecchi studenti se la prendono più comoda, sanno di trovare posto e si presentano, spesso a braccetto dei nuovi iscritti, direttamente il primo giorno di scuola, determinando il repentino raddoppio numerico degli iscritti e il nostro semi panico organizzativo (sapete com’è: prepari 100 posti e si presentano 150 studenti! E dove le recuperiamo in 5 minuti le mancanti sedie, tavoli, penne, dispense……?)
La nostra scuola di italiano è uno dei tanti corsi gratuiti che si annoverano nel panorama cittadino, uno dei tanti corsi che la rete di via Padova eroga, uno dei tanti che è arrivato oltre il decimo compleanno superando crisi e difficoltà economiche (la scuola, sebbene possa contare sulla collaborazione volontaria di insegnanti e sul prezioso contributo della Chiesa Valdese, costa in termini di spese di riscaldamento, cancelleria, segreteria e baby sitting).
Insomma uno dei tanti corsi che da tanti anni assolve il compito di fornire strumenti imprescindibili per l’integrazione; strumenti che non riguardano solo l’ attività didattica, ma comprendono attività di sportello, di aiuto e di ascolto che spesso portano a dissotterrare realtà intrise di difficoltà che vanno a coinvolgere intere famiglie con gravi ripercussioni sui figli minori (e ci riferiamo a minorenni che non riescono a frequentare la scuola dell’obbligo, a donne che non riescono a iscrivere i figli all’asilo a causa delle complicanze burocratiche, a richiedenti asilo che si ritrovano privi di sostegno e protezione…..) .
Questo per dire che una scuola di italiano per stranieri non è mai solo una scuola di italiano; non solo perché veicola rapporti , relazioni e problematiche che vanno oltre la didattica,ma anche perché in una classe mista per genere, lingua e paese d’origine, può succedere di tutto. Può succedere che R. confessi di avere paura perché non ha il permesso; che S., in cinta, si lamenti del costo delle ecografie (……ma non erano tutte gratuite in gravidanza?) , che V. tema per l’istruzione del figlio che, sebbene 14 enne, è a casa da quando è arrivato in italia e studia italiano sul cellulare. Certo, non c’è mai solo il lato oscuro della luna e capita che A. entri trionfante per avere preso la patente (grazie al nostro volontario Celeste, vigile in pensione, che “guida” il corso per le aspiranti donne al volante) o che V. esploda di gioia perché organizziamo un corso di computer.
Tutto questo fa parte della nostra scuola di italiano e sono sfumature che vanno oltre il rendiconto numerico e il rilevamento statistico. Eppure anche i numeri e i dati aiutano a capire e si offrono come utili strumenti di approfondimento e riflessione

 

Questi i dati raccolti per il quadrimestre gennaio giugno 2018

 

sesso gen18 II

 

In questo primo quadrimestre abbiamo assistito quasi alla “parità” di genere; le unità femminili sono di pochissimo superiori a quelle maschili (su 291 iscritti abbiamo 144 maschi e 147 femmine), laddove tradizionalmente sono sempre state nettamente superiori.

 

eta gen18 II

 

La fascia d’età più rappresentata, in sintonia con gli anni precedenti, è quella compresa tra 21 e 30 anni, seguita dalla fascia 31/40; fascia che, dopo il raddoppio dello scorso anno, si assesta sui valori del quadrimestre precedente; continua invece la contrazione numerica dei minori.

 

mesi italia gen18 II

 

anni italia gen18 II

 

La maggior parte degli iscritti si iscrive al corso entro i primi sei mesi di soggiorno (le classi di livello basso sono infatti prese d’assalto e registrano il maggior numero di iscritti); tuttavia, rispetto ai dati precedenti sono in aumento coloro che si iscrivono al corso dopo un soggiorno relativamente lungo (3-6 anni). Quest’ultima fascia ha superato quella degli iscritti con 1 / 2 anni di soggiorno.

 

naz gen18 II

 

Ancora una volta l’Egitto si conferma come il paese più rappresentato con 122 presenze seguito a grande distanza dal Perù con 20 iscritti. Le altre nazioni sono equamente rappresentate con numeri che vanno dalle 5 alle 10 unità (è il caso di: Albania, Bangladesh, Brasile, Bolivia, Cina, Gambia Marocco, Nigeria, Pakistan, Senegal, Somalia e Sri Lanka).

 

lavori gen18 II


Non migliorano i dati occupazionali. Ben 210 studenti (su 291) sono disoccupati, solo 72 si dichiarano occupati. Un dato drammatico che si considera che la maggior parte degli studenti deve provvedere a una economia che garantisca il sostentamento della famiglia.

 

studio gen18 II

 

Un considerevole numero di iscritti ha maturato un percorso di studi complessivo di 6/11 anni seguito a breve distanza da chi ha studiato per 12/16 anni. Si contrae notevolmente il numero di coloro che hanno titoli universitari (da 22 a 3 unità) mentre aumentano gli analfabeti (sebbene di poche unità).

 

livello gen18 II


I livelli di competenza linguistica più rappresentati sono quelli più bassi (orientati all’ottenimento del certificato A2), mentre i livelli più alti vedono la presenza di studenti intenzionati a perfezionare la conoscenza della lingua accanto a studenti affezionati che frequentano anche altri corsi e iniziative promosse dall’associazione per le quali si richiede una maggiore competenza linguistica.

 

abiti gen18 II

 

Abitano soprattutto in famiglia (ben 164 unità), sebbene la famiglia sia spesso intesa in senso allargato (con zii e nipoti) e non mononucleare. Solo 39 su 291 risiede insieme ad amici, dato che conferma il trend dei quadrimestri precedenti.

 

 

 

Primo quadrimestre - Ottobre 2017/Febbraio 2018

Numero totale iscritti: 253

Nel mese di ottobre ha preso il via il corso di italiano per stranieri, conosciuto e frequentato dai residenti in zona, punto di riferimento dei neo arrivati, dei minori in attesa di entrare nella scuola dell’obbligo e di molti nuovi cittadini stranieri in cammino verso l’integrazione. Il corso prevede la formazione di classi miste divise per livello linguistico e dislocate in due fasce orarie (diurna e serale) per consentire la frequentazione al maggior numero di persone.

 

 

 sesso 18 I

 

 Nel primo quadrimestre la scuola ha accolto 253 iscritti.

Sono state formate 11 classi (6 nella fascia diurna e 5 in quella serale). 

 

eta 18 I

 

Sebbene tradizionalmente le unità femminili siano sempre state più numerose di quelle maschili, in questo caso si registra una leggera inversione di tendenza e i maschi  hanno superato (di poche unità) le femmine.

 

anni italia 18 I

 

In sintonia con gli anni precedenti, la fascia d’età più rappresentata è quella compresa tra 21 e 30 anni; un elemento di novità rispetto al passato quadrimestre è invece rappresentato dal raddoppio degli studenti di età compresa tra 31 e 40, mentre si contrae leggermente il numero dei minori.

 

naz 18 I

 

L’Egitto si riconferma la nazione più rappresentata con 117 presenze seguito a grande distanza dal Perù e dal Marocco. Il panorama delle provenienze non presenta variazioni di rilievo rispetto agli anni passati, tuttavia si registra un cospicuo aumento numerico delle nazionalità raccolte sotto la denominazione “ALTRE”, le cui unità passano da 36 a 52.  

 

lavori 18 I

 

anni studio 18 I

 

I livelli di scolarizzazione vedono dominare gli studenti mediamente scolarizzati nel paese d’origine (ovvero con 6/11 anni di studio), seguiti dai laureati/diplomati (con 12/16 anni di studio all’attivo). Con notevole distacco si posizionano studenti con 17/20 anni di studio le cui unità salgono da 9 a 22.

Sebbene la nostra scuola si rivolga principalmente a coloro che hanno un basso livello di competenza linguistica, negli anni si sono consolidati gruppi classe che puntano a livelli linguistici più alti (B1/B2) , orientati al mondo del lavoro o a obiettivi specifici come il superamento dell’esame per prendere la patente.  

 

Si mantiene stabile il numero degli studenti analfabeti in lingua madre.

 

livello 18 I

 

 La competenza linguistica degli studenti viene valutata attraverso un test nell’atto di iscrizione al corso. In linea con il trend degli anni passati prevalgono i livelli base di apprendimento della lingua.

I livelli più alti (A2 e B1) sono rappresentati da studenti affezionati che pur avendo conseguito e certificato il livello di competenza continuano a frequentare la scuola per perfezionare le competenze e frequentare altri corsi promossi dall’associazione per i quali si richiede la padronanza dell’italiano (come ad esempio il corso per prendere la patente)  

 

 

 

La scuola gratuita di italiano per stranieri  da Ottobre 2014 è realizzata anche grazie a:        

8xmille ri-bozza 1-05